Un festival per la terra

Strano Film Festival ha luogo sul territorio Abruzzese, terra di guerrieri, di santi viaggiatori e più recentemente di migrazione verso altre terre. Una regione che ha uno dei più bei parchi nazionali d’Europa, il Parco del Gran Sasso e Monti della Laga e che è ancora fortemente legata alle attività primarie dell’uomo come l’agricoltura e la pastorizia. Un territorio vivo, che trema ma che ha saputo salvaguardare il saper fare, che rappresenta un patrimonio prezioso e inestimabile per questa terra e per tutti.

L’intento del festival è quello di valorizzare questo meraviglioso territorio, di esaltarne la sua autenticità e di stimolarne lo sviluppo.

Un festival per la terra che ha come obiettivo quello di unire chi, in questi territori è rimasto, chi, da questi territori è partito e chi, in questi territori, ha scelto di tornare a viverci.

Qui la coltura è cultura!

FOTOALLORIGINEDITUTTO!.jpg

Il festival evidenzia che il termine “cultura”, include nella sua definizione, le tradizioni, le norme sociali e le conoscenze pratiche di un popolo e della terra che lo ospita. Le opere d’arte sono prodotti della storia e fanno parte del patrimonio materiale dell’uomo ma i gesti, le conoscenze tramandate dalle tradizioni, appartengono al patrimonio immateriale dell’umanità e rivestono pari importanza e uguale dignità.

Il proposito è di attivare una dinamica che possa ripensare il modo in cui viviamo e utilizziamo la terra. La terra è un elemento naturale e per gli uomini, uno spazio in cui muoversi e trovare nutrimento. Tutte queste caratteristiche offrono spunti per una discussione che crediamo ormai diventata urgente.

Noi vogliamo celebrare la terra e darle il valore che merita perché non venga più sfruttata e maltrattata. Strano film festival non vuole essere una denuncia o un festival attivista, cerca, con leggerezza, di dare visibilità al problema per attirare un numero sempre più crescente di pubblico.

“Al fine di sviluppare nuovi metodi di comunicazione e intermediazione culturale per promuovere lo sviluppo delle risorse territoriali e umane, MAKS, l’associazione che organizza Strano Film Festival, crea degli esperimenti in un percorso formativo inedito e originale. Ciò si traduce in una ricerca che porti a una riforma del linguaggio dettata dalla necessità di recuperare l’autenticità e la nozione di un valore diverso da quello economico”.
Gianluca Fratantonio – Direttore artistico del festival.